Il Lecce si tiene in vita ma preoccupa: UN GRAN BEL VENEZIA fa sua l'andata della SemiFinale play off. La cronaca

Lunedì 17 Maggio 2021 | Cosimo Carulli | News

VENEZIA - Un Lecce deludente, rinunciatario e appassito si arrende al Venezia nel primo round della SemiFinale dei play off. Decide Forte ad inizio ripresa che regala l'1-0 alla squadra di Zanetti. Lecce praticamente mai pericoloso, che soprattutto nel primo tempo è stato in balia degli avversari, tanto che il Venezia può addirittura recriminare per la vittoria di misura. Il discorso qualificazione resta aperto, anche se più della sconfitta preoccupa l'atteggiamento della squadra di Corini, apparsa per lunghi tratti della gara poco combattiva.

Scelte - Corini sceglie ancora la coppia composta ad Coda e Stepinski per l'attacco, con Mancosu alle spalle. In difesa il centrale accanto a Lucioni è Dermaku, con Meccariello dirottato in panchina. Il Venezia parte subito forte e già dopo 5 minuti sfiora il vantaggio con Modolo, che su azione di calcio d'angolo tocca di sinistro sotto porta con il pallone che finisce a fil di palo. Modolo ci prova ancora due volte nel giro di una manciata di minuti, prima con un colpo di testa poi con una rovesciata, ma Gabriel blocca senza troppi problemi. Poi tocca due volte a Aramu, pericoloso soprattutto con un sinistro esploso dai venti metri al 25' che sfiora la traversa.

Dominio - Il primo tempo è un monologo del Venezia che domina in ogni settore del campo, il Lecce è praticamente assente. Il primo squillo dei giallorossi arriva al 32', con un colpo di testa di Stepinski su cross di Maggio, debole e centrale. Sarà la prima e unica conclusione in porta della squadra di Corini nel primo tempo. Nel finale di parziale tocca a Gabriel blindare lo 0-0, con una gran parata su una conclusione di Forte secca e precisa.

Forte-gol - Nella ripresa ci si aspetta la reazione del Lecce. E invece continua a fare la partita il Venezia, che dopo 2 minuti raccoglie i frutti della sua grande pressione. Su cross di Aramu Maleh in area tocca al volo per Forte che con un preciso sinistro in diagonale piazza la sfera nell'angolino basso. E questa volta nemmeno Gabriel può nulla, tra le belle statuine della difesa giallorossa. Il Lecce sembra scuotersi, Coda trova la sua prima conclusione della gara, ma il tiro in scivolata è troppo debole e centrale per sorprendere l'esperto Maenpaa. Zanetti prova a cavalcare l'onda e inserisce l'ex Di Mariano al posto di Johnsen. Brivido al 21', quando il Venezia va ancora in gol sugli sviluppi di un calcio di punizione, ma l'arbitro Marini annulla giustamente per un netto tocco di mano di Modolo che indirizza in porta alla Maradona. Primo cambio anche per il Lecce a metà tempo, con Henderson che prende il posto di uno spento e timido Bjorkengren. I giallorossi sembrano un po' più reattivi nell'ultima parte di gara, però non riescono a rendersi pericolosi. Corini nel finale inserisce Nikolov e Yalcin, al posto di Majer e di un impalpabile Stepinski e proprio i due nuovi entrati ci provano: Yalcin con una conclusione smorzata dalla difesa avversaria, il centrocampista con un destro velleitario che non impensierisce Maenpaa. Troppo poco per meritarsi il pari. Giovedì nel ritorno servirà una vittoria per strappare il pass per la finale. Ma ci vorrà tutto un altro Lecce.

TABELLINO

VENEZIA - LECCE 1-0.

Marcatore: Forte al 2' p.t.

Venezia (4-3-1-2): Maenpaa; Marzocchi, Ceccaroni, Modolo, Molinaro; Fiordilino (dal 29' s.t. Crnigoj), Taugourdeau (dal 42' s.t. Svoboda), Maleh; Aramu (dal 29' s.t. Dezi); Johnsen (dal 20' s.t. Di Mariano), Forte (dal 42' s.t. Bocalon). (Pomini, Ferrarini, Felicioni, Bjarkason, St Clair, Ricci, Esposito). Allenatore Zanetti.

Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Maggio, Lucioni, Dermaku, Gallo; Majer (dal 32' s.t. Nikolov), Hjulmand, Bjorkengren (dal 21' s.t. Henderson); Mancosu; Coda, Stepinski (dal 32' s.t. Yalcin). (Bleve, Vigorito, Pisacane, Meccariello, Paganini, Listkowski, Zuta, Calderoni, Tachtsidis). Allenatore Corini.

Arbitro: Marini di Roma 1 (Vecchi-Vono, IV Ufficiale Massimi, VAR Banti, AVAR Valeriani).

Note: ammonito Modolo, angoli 11-4, recupero 0' p.t., 3' s.t.