Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

LE FOTO, LA VERITÀ. Pronto per 28mila, AVELLINO stadio "riserva". MA SI GIOCA A LECCE

Lunedì 18 Giugno 2018 | La Redazione | News

LECCE - Eccole, sopra e sotto, le foto di SoloLecce.it realizzate in mattinata a lavori finiti.

Il "Via del Mare" è pronto ad ospitare 28mila spettatori, la nuova capienza dell'impianto per la Serie B.

Lavori finiti, dicevamo, al di là degli allarmismi lanciati per vendere qualche copia in più in un settore decotto da tempo e che si sostiene esclusivamente sulla pelle dei leccesi e degli italiani, con i finanziamenti pubblici, calpestando le passioni, le ansie e i legittimi timori dei tifosi.

Qui (che è gratis...) cerchiamo molto umilmente e senza voli pindarici di spiegarvi cosa sta accadendo realmente, restando nel campo della oggettività dei fatti e non delle supposizioni o delle previsioni coi tarocchi, i "se", i "forse", i "probabilmente", le "ipotesi". Tutte alchimie giornalistiche sulla pelle del tifoso.

Il "Via del Mare" è pronto, con i lavori realizzati dal Comune di Lecce in tempi da record, con fondi propri. Ora, anche con il sostegno finanziario del Lecce, si passerà alla seconda fase dei lavori di miglioramento delle strutture che comunque oggi sono già a norma per ospitare 28mila spettatori.

Lo stadio sarà omologato in settimana dalla Commissione Impianti della FIGC, dagli ispettori del CONI e dalla Commissione Pubblici Spettacoli della Prefettura, al termine del collaudo statico che i tecnici dovranno effettuare sotto i loro occhi.

Vedete dalle nostre foto, rifatti e di colore diverso dalla muratura precedente, i cosiddetti montanti dello stadio, gli enormi pilastri che sostengono la Tribuna Est Superiore. Finiti e rafforzati, "iniettati" di cemento.

Capitolo illuminazione: "di una cosa potete stare certi. Il Lecce gioca a Lecce. Punto". Ci ha affidato poche parole ma nette il Presidente Saverio Sticchi Damiani che abbiamo sentito al telefono per conoscere la verità e la strategia della società. Perchè i terroristi di professione non l'hanno fatto? Già, poi chi li legge?

Allora, cosa accadrà? Ve lo spieghiamo noi in poche righe e in tre sole ipotesi che provocatoriamente riassumiamo tutte con la stessa conclusione per far entrare nella testa dei nostri lettori che non esiste nessun rischio di emigrazione della squadra da Lecce, così come paventato dai terroristi psicologici che stanno gettando paure a colpi di inchiostro.

1) il Comune di Lecce mantiene le promesse e adegua l'impianto di illuminazione entro tempi brevi. Si gioca al "Via del Mare".

2) il Comune di Lecce non mantiene le promesse e non adegua l'impianto di illuminazione dello stadio. Il Lecce affida i lavori in proprio e si rivale sul canone concessorio dello stadio, facendo scontare la somma dall'affitto. Si gioca al "Via del Mare".

3) il Comune di Lecce avvia la procedura per l'adeguamento dell'impianto di illuminazione ma ha bisogno di tempi più lunghi. Il Lecce certifica l'avvio dei lavori alla Lega Serie B, indica Avellino come stadio "riserva", ma puramente per completare l'iscrizione al campionato. I lavori possono procedere con questo escamotage, sino al giorno prima del debutto interno. Si gioca al "Via del Mare".