Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

ROSSETTINI, URLO LECCE: "siamo vivi, lo dimostreremo"

Venerdì 17 Gennaio 2020 | Marco Errico | News

LECCE - Un compito durissimo attende Luca Rossettini e i suoi compagni di difesa che domenica incroceranno Lukaku e Martinez, la coppia d'attacco sin qui più forte del campionato nei numeri singoli e nel rendimento. Oggi l'esperto difensore ha parlato in Sala Stampa. Ecco la nostra intervista.

Fiducia - "Affrontiamo una squadra che quest'anno può davvero lottare per lo Scudetto. Noi non siamo certo sereni per il momento che stiamo attraversando, ma siamo fiduciosi sulle possibilità di venir fuori da questo momento negativo".

Reazione - "Siamo vivi, nelle ultime partite non abbiamo poi fatto così male, ma siamo stati penalizzati soprattutto dagli episodi. Come a Parma, dove una gara equilibrata si è sbloccata solo su un calcio d'angolo. Forse qualcuno ha avuto l'impressione che la nostra reazione non sia stata veemente, In realtà una volta in svantaggio abbiamo cercato di mantenere comunque la partita in vita, gestendola con equilibrio perchè sapevamo che loro sono molto forti nelle ripartenze e non volevamo concedere spazi ulteriori".

Quota - "Non so se in questo momento la quota salvezza si sia abbassata, sono considerazioni che di solito non faccio. Posso solo dire che nel ritorno noi possiamo fare più di 15 punti, è nelle nostre corde. Non si può dire nemmeno che la lotta resti circoscritta alle ultime quattro della classifica. Lo scorso anno il Parma a dicembre sembrava salvo, poi si è tirato fuori all'ultima giornata".

Coppia esplosiva - "Davanti l'Inter può contare su due attaccanti top a livello mondiale. Lukaku è devastante, Martinez è un'ottima spalla perchè attacca la profondità con cattiveria ed è forte di testa. Se potessi leverei tutti i campioni all'Inter, ma il bello di questa categoria è poprio quello di potersi confrontare con loro. Sul piano dei livelli individuali non ci sarebbe partita, ma se giochiamo di squadra tenendo compatti e stretti i reparti possiamo metterli in difficoltà".