Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

TORNA IL LECCE. Dietro le quinte di FOOTBALL MANAGER: l'intervista

Venerdì 5 Ottobre 2018 | Giovanni Mele | AltroLecce

LECCE - Il 2 novembre è in arrivo su PC e MAC il nuovo capitolo della saga Football Manager, il videogioco che consente di impersonare i panni di un allenatore di calcio che cerca di condurre la sua squadra alla gloria con il controllo di tutte le funzioni che ha a disposizione il classico manager inglese.

Dietro al successo di questo videogame cult c'è il lavoro di decine di persone che mediante lo scouting e le continue ricerche hanno consentito a tutti gli appassionati di conoscere già in anteprima alcuni talenti dell'attuale panorama calcistico mondiale (basti pensare a Neymar e Coutinho, già noti prima della loro esplosione sul campo). Oggi SoloLecce.it ha intervistato e incontrato Yuri Dell'Atti, Responsabile delle ricerche relative al Lecce.

La storia - "Ho 21 anni, sono leccese e sono il ricercatore di RIO (Ricerca Italiana Official) del videogame, nonchè Caposquadra del Lecce e di altre squadre professionistiche di B e C, ma anche Caposerie della C. Parlando del nostro Lecce sono felice sia ritornato nel calcio che conta dopo sei anni di inferno, sperando possa tornare presto in Serie A, dove meritiamo di stare. Tutti nascono con un cuore rosso, ma il mio sin dalla nascita era giallorosso. Non dimenticherò mai quel 22 dicembre 2007, Bari-Lecce 0-4, quasi a fine primo tempo quando Benussi fece un gran lancio verso Tiribocchi che scaricò un sinistro incredibile al volo. Ma non dimenticherò mai neanche i gol di Konan alla Juventus a Torino, per restare tra le grandi vittorie del passato".

L'esperienza Football Manager - "E' cominciata come comincia per tutti i bambini la passione ad un gioco. Ero a casa di mio zio al computer, a sei anni, vidi un gioco installato dal nome Scudetto 2003/2004, iniziai a giocare e da allora non ho mai smesso. Nel 2005 uscì il primo Football Manager: tutti pensano che sia solo un videogame, uno svago, ma molti non sanno le forti emozioni che si provano quando a Natale scarti un regalo e trovi Football Manager. Sono lacrime di gioia. Da quel giorno ogni anno vinco la Champions con il Lecce, speriamo un giorno tutto questo possa diventare realtà. La ricerca per questo gioco è la mia seconda casa, quella dove dopo tante ore di studio o lavoro riesci ancora con passione a metterti davanti al pc sino a notte fonda, o a girare per le società di cui devi occuparti. La Ricerca Italiana Official è passare intere giornate a scrivere messaggi sulle caratteristiche dei calciatori che visioni, dalle giovanili ai titolari. Grazie alla Ricerca Italiana Official sono in contatto con quasi tutti i calciatori del Lecce e delle altre squadre in cui sono Caposquadra: il lavoro consiste nel guardare infinità di partite, scrivere sui fogli di lavoro che io stesso organizzo tutti i dettagli che servono all'enorme database presente nel gioco".

Cosa dobbiamo aspettarci dal nuovo gioco - "Sicuramente ci sarà una rivoluzione grafica, con l'incremento dell'utilizzo del VAR, dunque anche con degli errori nella giocabilità delle partite. La grande scoperta è certamente il nuovo sistema di allenamento proposto, individuale e non. Impostare gli allenamenti settimanali in tre sessioni, guardare il migliore e il peggiore negli allenamenti tanto da condizionare le scelte tattiche o avere un grande centro medico a portata di mano sarà un grande aiuto. A livello tattico sono molto affascinato dall'implemento che il gioco ogni anno regala per farti sentire un vero e proprio allenatore. Dicono sia migliorato lo scouting, già molto efficiente lo scorso anno. Scopriremo tutto il 2 novembre".

Consigli per i lettori - "Questo non è solo un gioco, è sperare, sognare, partire da allenatore disoccupato e cercare di scalare le vette del calcio, innamorandosi magari anche delle squadre che si allenano. Immaginate un po' se Football Manager non esistesse, se non esistesse questa occasione unica e irripetibile. Un'occasione per far conoscere anche tante persone e unirne tante altre lontane tra loro. Per questo ringrazio e ringrazierò sempre il mio capo, Alberto Scotta. Il 2 novembre andiamo tutti a comprare Football Manager"!