Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Il solito GATTUSO, uomo vero in un mondo finto: "il Lecce? CI HA PALLEGGIATO IN FACCIA"

Lunedì 10 Febbraio 2020 | Cosimo Carulli | Ospiti

NAPOLI - A fine gara, con una buona dose di realismo, onestà e franchezza, si è presentato in Sala Stampa il solito Gennaro Gattuso che ha sottolineato la prova positiva del Lecce e quella negativa del suo Napoli. Ecco le sue parole.

Involuzione - "Nei primi trenta minuti la squadra ha fatto bene, poi ha subito una involuzione, è venuta fuori fragilità. Ho visto Lapadula capace di stoppare sempre nel mezzo della nostra difesa, ho visto sino a otto giocatori passivi dietro la linea del pallone. Tutto questo dopo trenta minuti soltanto, il Lecce ci ha palleggiato in faccia. Saponara e Falco hanno creato difficoltà enormi, dovevamo rompere il loro possesso e invece ci facevamo portare in area. Ecco, sono arrivati troppo in area, questo è stato il nostro difetto più grande".

Preoccupazioni sul futuro - "Non riesco a trovare la chiave della compattezza di questa squadra, siamo troppo fragili quando subiamo l'episodio negativo. Ho visto una squadra che fa fatica ad aiutarsi e questa cosa non mi piace. Abbiamo fatto dei passi indietro, si parlava di tabelle Champions e invece la realtà è che abbiamo fallito un appuntamento molto importante per la nostra classifica".