Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

IN RITIRO. "LEONE" LA MANTIA: "quattro anni fa ero in C, ora la A me la tengo stretta"

Giovedì 18 Luglio 2019 | Marco Errico | News

SANTA CRISTINA IN VAL GARDENA - Oggi è toccato al bomber: in ritiro ha parlato Andrea La Mantia, nel ritiro di Santa Cristina in Val Gardena. Ecco le sue parole per voi lettori (FOTO SOPRA UNO STACCO AEREO IN ALLENAMENTO IN QUESTI GIORNI).

Voglia matta - "Siamo vogliosi di iniziare questa avventura che ci vede protagonisti nel massimo campionato che rappresenta un sogno per ogni calciatore. Sono carico, dopo lo scorso campionato ho maggiore consapevolezza dei miei mezzi".

Concorrenza - "E' arrivato Lapadula, un ottimo giocatore, con grandi qualità, che può ricoprire diversi ruoli in attacco. Dopo questi primi giorni devo dire che con Gianluca mi trovo molto bene anche fuori dal campo e questa è una piacevole sorpresa".

Differenze - "Differenza tra A e B? La qualità dei giocatori e l'aspetto fisico. Il mio obiettivo quest'anno è quello di migliorare sotto tutti i punti di vista, non basterà quello che ho fatto nello scorso campionato. Ora il gradino è molto più alto. Sappiamo che la Serie A è un campionato estremamente difficile, è giusto che in squadra ci siano più giocatori di livello per ogni ruolo".

Sogno - "Quattro anni fa ero in Serie C e guardando indietro potevo solo sognare un giorno di poter calcare il palcoscenico della A. Ho avuto la fortuna a 27 anni di vestire la maglia giallorossa e realizzare questa impresa".