Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Un Lecce DECIMATO porta BACIONI A FIRENZE e abbatte l'aeroplanino. TRE PUNTI GIGANTESCHI. LA CRONACA

Sabato 30 Novembre 2019 | Marco Errico | News

FIRENZE - Un guizzo di La Mantia in avvio di secondo tempo regala al Lecce il terzo successo esterno in campionato a Firenze, dopo i blitz di Torino e Ferrara. Per la prima volta, poi, la formazione giallorossa ha chiuso una gara senza subire reti.

Avvio bruciante - Liverani punta sulla coppia inedita La Mantia-Farias, per il resto è il Lecce largamente annunciato alla vigilia, anche perchè con cinque indisponibili non c'è tantissima scelta. Ancora ferita dalle due sconfitte di fila con Cagliari e Verona la Fiorentina parte a razzo e mette subito ansia al Lecce. Già al 3' Gabriel è chiamato in causa su un velenoso diagonale di Milenkovic, poi ci prova anche con Lirola con un tiro di un soffio a lato. 10 minuti in cui i viola collezionano quattro angoli, a conferma di una pressione praticamente costante.

Misure - Dopo un primo quarto di gara così il Lecce lentamente prende le misure, ma bisogna attendere dopo la mezz'ora per il primo tiro verso la porta di Dragowski, una botta centrale di Farias che il portiere polacco controlla senza problemi. Il confronto, però, inizia a diventare decisamente più equilibrato, ci provano solo Pulgar su punizione e Dalbert di testa senza molta fortuna. Al 43' l'ex Petriccione mette i brividi con una punizione che costringe Dragowski a una respinta con i pugni. Poi la Fiorentina perde Ribery, costretto a lasciare il terreno di gioco a fine primo tempo con una caviglia dolorante.

Gol e sofferenza - Si riparte con il fumoso Boateng per Ribery e un Lecce decisamente più pimpante, meno timido. E al 5' arriva il vantaggio dei giallorossi, con La Mantia che parte largo e apre e chiude un'azione molto bella. Farias detta i tempi dell'inserimento a Shakhov che a sua volta disegna un assist perfetto per la testa del bomber che scaraventa in porta un altro dei suoi palloni pesanti, stile Serie B lo scorso anno. La Fiorentina non ci sta e reagisce con rabbia, Montella getta nella mischia Ghezzal e poi Pedro, passa praticamente al 4-2-4, ma Gabriel dice di no a Vlahovic due volte, dopo che Milenkovic a porta vuota di testa aveva spedito fuori immediatamente dopo la rete di La Mantia. Liverani si gioca la carta Babacar per tenere su i suoi, il senegalese lo fa ma si divora anche il 2-0 consegnando un pallone a Dragowski, solo davanti al portiere. Finisce 0-1 comunque, con il Lecce che porta a casa tre punti pesantissimi, anche se contro il Genoa mancherà Rossettini che sarà squalificato dopo il quinto giallo stagionale.

TABELLINO

FIORENTINA - LECCE 0-1

Marcatore: La Mantia al 5' s.t.

Fiorentina (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Ceccherini, Caceres; Lirola (dal 6' s.t. Ghezzal), Castrovilli, Badelj (dal 26' s.t. Pedro), Pulgar, Dalbert; Vlahovic, Ribery (dal 1' s.t. Boateng). (Terracciano, Ranier, Sottil, Cristoforo, Eysseric, Venuti, Benassi, Zurkowsky, Tersic). Allenatore Montella.

Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Rispoli, Rossettini, Lucioni, Calderoni; Petriccione, Tachtsidis, Tabanelli; Shakhov; La Mantia (dal 33' s.t. Vera Ramirez), Farias (dal 12' s.t. Babacar). (Vigorito, Bleve, Riccardi, Benzar, Meccariello, Dubickas, Gallo, Lo Faso, Dell'Orco, Imbula). Allenatore Liverani.

Note: ammoniti Rispoli, Petriccione, Castrovilli, Rossettini, angoli 9-2, recupero 2' p.t., 4' s.t.