Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

LE FOTO. ASSEMBRATI, SI "DIMENTICANO" LA POLI BORTONE E DIVISI: il centrodestra è tornato in piazza sfidando i divieti

Martedì 2 Giugno 2020 | La Redazione | Cronaca

LECCE - Hanno scelto il 2 giugno, Festa della Repubblica, per protestare contro il Governo Conte e mettersi alle spalle definitivamente l'era dei divieti di assembramento che continuano a valere solo per i semplici cittadini.

Per il centrodestra leccese, non più di cento persone concentrate sull'ovale di Piazza Sant'Oronzo, quella di oggi è stata una mattinata di campagna elettorale con la vista lunga sulle Regionali di autunno.

Nonostante le normative antiassembramento Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Cambiamo e il variegato mondo della destra (associazioni e circoli culturali) hanno provato a dare la prima spallata al Governo Emiliano, provando a riempire la storica piazza cittadina.

Ben lontani e fuori dalla piazza sono rimasti i guai: la componente della coalizione che fa capo ad Adriana Poli Bortone non è stata invitata alla manifestazione, mentre la Lega di Salvini si è presentata con le sue due "anime", quella che vorrebbe candidare Raffaele Fitto a Governatore di Puglia e quella che sostiene il nome del delfino di Salvini sul territorio pugliese, Nuccio Altieri.