Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

URLO LIVERANI: "mai più le disattenzioni di mercoledì. Vi spiego la rinascita di Tabanelli"

Domenica 4 Novembre 2018 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Vigilia di campionato per Fabio Liverani che abbiamo intervistato prima della partenza del Lecce per il ritiro di Pescara.

Nmeri - "Non mi sono mai piaciute le statistiche. Il nostro è un discorso di continuità, nonostante il cambio di categoria questa squadra ha continuato a fare punti, segno di una mentalità vincente che è stata trasmessa nel corso del ritiro estivo e in questo avvio di campionato".

Pescara - "Domani c'è una partita importante. Il Pescara ogni anno pesca giocatori importanti dal vivaio delle grandi, tra le loro fila ci sono Palazzi, Machin, Del Sole e Monachello, tutti provengono da formazioni importanti, senza dimenticare Antonucci che è uno dei prospetti migliori del calcio italiano in questo momento. Una squadra che assieme a questi giocatori ha uomini di grande esperienza. Per trovare dei punti sarà fondamentale giocare una partita perfetta, con grande attenzione, non è facile perchè sarà il terzo impegno in pochi giorni".

Indisponibili - "Falco è recuperato, ora va gestito. Non ha i novanta minuti nelle gambe, ma potrebbe essere disponibile a gara in corso. Anche Scavone viene con noi perchè ha recuperato. Non saranno della partita Bovo che rientrerà dopo la sosta. Pettinari invece ne avrà per un mese a causa di un problema muscolare".

Lucioni - "La società ha spiegato la sua linea. Il giocatore tornerà a disposizione da martedì. Abbiamo dei giocatori che non ci hanno fatto sentire la sua mancanza e sarà così anche domani".

Attenzione massima - "Non voglio più vedere la superficialità che ho visto a tratti contro il Crotone. Ci abbiamo lavorato in settimana e non è capitato spesso, ma in questa categoria non possiamo permetterci cali di tensione".

Ritiro - "I motivi? Quelli di lavorare al meglio. Il ritiro romano ha una motivazione logistica. Abbiamo due trasferte da affrotare in pullman, abbiamo scelto di spostarci a Roma per lavorare e poi raggiungere in aereo Cosenza. Devo ringraziare la società per la disponibilità, è stata una mia richiesta".

Tabanelli - "Ci sono dei giocatori che solo attraverso il lavoro riescono a cambiare la loro storia. Lui in questo momento sta facendo molto bene. Nella sua carriera ha fatto vedere qualità, tra Serie A e  B, poi gli infortuni lo hanno un po' frenato. Situazioni che hanno minato la sua serenità. Noi in estate abbiamo parlato con lui, il ragazzo ha capito ha lavorato, ha rinunciato alle ferie, ha iniziato a vivere da professionista e  diventando un atleta di assoluto valore. Ha qualità e volontà importanti, nello stesso tempo deve capire però se abbassa leggermente i ritmi rischia di compromettere tutto questo lavoro, il rischio è che torni quello di gennaio. Ma lui lo ha capito".