Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

STICCHI DAMIANI: "danneggiati dall'arbitro, ci faremo sentire. Preoccupato per il futuro dello stadio"

Martedì 18 Dicembre 2018 | Marco Errico | News

LECCE - Ecco le parole di Saverio Sticchi Damiani: il Presidente del Lecce nel pomeriggio ha incontrato i giornalisti. Arbitraggi, progetti futuri, mercato, questione stadio: il numero uno giallorosso ha voluto parlare a tutto campo. Ecco la nostra intervista.

Arbitri - "Non è un alibi, ma a Brescia siamo stati danneggiati dall'arbitraggio. Mi riferisco alla mancata espulsione di Tonali. Dopo la partita di Pescara mi ero confrontato con il designatore Morganti che era lì allo stadio e mi aveva detto che l'arbitro era stato straordinario e che le espulsioni vanno decretate anche se si lascia la squadra in nove o se questa arriva nei primi minuti. Allora non mi ritrovo con quello che è successo a Tonali. Ci faremo sentire nelle sedi opportune, non con le piazzate, con i toni giusti".

Obiettivo - "La squadra sta facendo qualcosa di straordinario. La partita con il Padova ha una valenza doppia, affrontiamo una neopromossa come noi e avremo la possibilità di ipotecare la salvezza. Poi inizieremo a pensare a qualcosa di più ambizioso. Un fatto che non ci spaventa: noi siamo pronti, anche a livello societario. Sento dire che la società non sarebbe in grado di andare in A, che non la vogliamo, parole da fantacalcio. Tra promozione in A e eventuali paracadute assegnati quando eventualmente retrocedi dalla A ci sono in ballo una cinquantina di milioni di Euro".

Mercato - "Girare a quota 30 potrebbe anche permetterci di essere ancora più ambiti sul mercato, ma intanto abbiamo fatto sapere a Liverani e Meluso che siamo pronti ad ulteriori sacrifici con acquisti mirati che aumentino il tasso di qualità della squadra per cercare un altro obiettivo. Per alcuni elementi che stanno trovando poco spazio stiamo lavorando a cercare sistemazioni diverse da Lecce. Sicuramente Mancosu è incedibile, ha un contratto sino al 2020 e andrebbe via soltanto davanti ad una grossa offerta o a una richiesta precisa del ragazzo. Al momento non è accaduta nessuna delle due cose".

Stadio - "Questa mattina abbiamo avuto una riunione in Prefettura per discutere della situazione stadio, per cui sono molto preoccupato. L'agibilità della Tribuna Est scadrà al termine di questo campionato e non credo ci siano opportunità di prorogare i termini. Servirebbero risorse ingenti per la manutenzione straordinaria, ma l'Amministrazione Comunale in questo momento mi sembra in difficoltà. Siamo in movimento anche noi, ci siamo attivati con il Credito Sportivo: vedremo se ci saranno sviluppi nelle prossime settimane".