Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

STICCHI DAMIANI, INTERVISTA FIUME: "su Chiricò rispetto per la posizione degli ultras"

Sabato 25 Agosto 2018 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Parla lui. Attesissimo su tanti argomenti.

A fine mercato e alla fine anche di una lunga estate "calda" su alcuni temi (Chiricò e stadio) parla il Presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani. Ecco una lunghissima intervista, concessa oggi in Sala Stampa.

Premesse - "Stiamo per partecipare ad uno dei campionati più difficili degli ultimi anni, un torneo dove per un dettaglio ci si potrà trovare nelle zone basse o in quelle alte della classifica. Con questo format, con la prospettiva di ridurre la B a 18 squadre, rappresenta un orgoglio per noi esserci, ma ci aspetta un compito durissimo".

Situazione in Lega Calcio - "C'è un rapporto di scontro totale, le posizioni sono opposte. E' chiaro che se si dovesse andare verso una B a 18 squadre questa categoria diventerà una selezione severissima. A quel punto bisognerà pensare anche ad un paracadute per chi dalla B scende in C".

Punto mercato - "Tutti si sono mossi investendo moltissimo. Lo abbiamo fatto anche noi, vogliamo conservare la categoria, questa è la parola d'ordine, se dovesse capitare siamo pronti per affrontare altri obiettivi. Dobbiamo stare uniti e compatti. E' un fatto fondamentale partire con questa consapevolezza. Abbiamo fatto grossi sforzi sul mercato, con cinque nuovi arrivati che hanno vinto il campionato negli ultimi anni. Allo stesso tempo sono consapevole che al mister spetti un compito difficile, quello di rendere squadra questo gruppo così rinnovato".

"Colpi" centrati - "Sono felice di aver preso tutti i giocatori a cui avevamo pensato dall’inizio. Sono contento dell’arrivo di Petriccione, l’arrivo di Lucioni è per me una operazione straordinaria perché è il difensore più importante della categoria. Anche quelli di La Mantia e Scavone sono arrivi assolutamente di rilievo".

Partenze - "E' normale che ci siano tanti calciatori in uscita, ci sono elementi senza squadra in giro che sino a due stagioni addietro erano top player nelle loro categorie. Ci sarà tempo sino al 31 per completare questo lavoro in uscita, dobbiamo centrare anche qui le nostre operazioni".

Risposta della piazza - "E' stata eccezionale. Penso che il nostro sia il secondo o il terzo risultato della B in termini di abbonamenti, raddoppiando il nostro record nella categoria. C'è un clima di grande entusiasmo. In poche ore sono stati venduti anche tantissimi biglietti per la trasferta. Aver vinto il campionato di C è stato per noi un momento di ottimismo e entusiasmo straordinario. Ora dobbiamo essere bravi in questa categoria, conservarla: la differenza tra C e B è enorme, siamo più vicini alla massima categoria".

Bari nei guai - "Io guardo in casa mia, ma certamente il campionato di D è difficile, loro partono pure con due mesi di ritardo. I dilettanti hanno le loro difficoltà. Noto però con soddisfazione che il calcio in Puglia è Lecce e Foggia".

Benevento - "Sono una delle squadre che possono vincere il campionato, hanno fatto mercato a parte, usufruendo del paracadute delle retrocesse dalla Serie A. Noi andremo lì a dare battaglia".

Caso Chiricò - "Innanzitutto vorrei far passare il messaggio che la questione Chiricò non deve determinare un contrasto. La mia posizione è di grande rispetto verso gli ultras. Loro si abbonano in 5mila, non chiedono nulla, non entrano nel merito di niente mai, sostengono la squadra e basta. Le loro battaglie sono legate alla dignità e alla maglia. Preferisco il loro rispetto leale a chi mi chiede l'abbonamento e poi parla alle spalle. E' una protesta legata a un episodio a cui si è data troppa importanza. La nostra è stata un'operazione a costo zero, va tutelata. La trattativa con la Ternana è importante, quella umbra è una società che sta portando avanti i contatti con correttezza e limpidezza. Se si verificheranno queste condizioni, se non ci saranno speculazioni andremo avanti. Questa società in due anni non ha mai avuto richieste dalla tifoseria, anche la vicenda Strambelli dello scorso anno sostanzialmente non esiste. Non l'abbiamo mai trattato, sapevamo che avrebbe portato con sè situazioni che avrebbero rotto il giocattolo. Non siamo schiavi dei tifosi, sono situazioni di cui nel calcio si deve tenere conto, semplicemente. Mi dispiace soltanto che in questa situazione di questa estate si sia andati oltre il valore delle cose, degli episodi e anche del ragazzo, ma ogni scelta deve essere affrontata con serenità. Non accetto che la vicenda Chiricò incida però sul lavoro di Meluso che in questo biennio ha fatto benissimo".

Stadio - "Come avevo immaginato il terreno va rizollato, la Lega Calcio ci ha chiesto conto della situazione e ci ha detto di farlo subito. I lavori sono iniziati ieri e il terreno sarà pronto per la prima partita in casa. Sono convinto che il Comune manterrà i suoi impegni. Nella prima di campionato in casa avremo anche il nuovo tabellone di ultima generazione, abbiamo rifatto gli spogliatoi e ci saranno dei box in Tribuna Centrale per i nostri sponsor".