Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

"MALEDIZIONE" TESORO: ai Distinti tornelli e telecamere smontate per risparmiare gli spiccioli. E lo stadio "SCOPPIA"

Mercoledì 25 Aprile 2018 | La Redazione | News

LECCE - Si "combatte" per ottenere dalla Commissione sui Pubblici Spettacoli della Prefettura appena 3mila posti in più (1500 di Tribuna Est e 1500 di Tribuna Centrale Inferiore), ma non si può spingere il "Via del Mare", tecnicamente, oltre i 23-24mila posti a sedere.

Almeno per ora, senza che vengano effettuati interventi di ripristino per 150mila Euro. Magari ci si potrà pensare quest'estate, a promozione avvenuta, per non sottrarre al pubblico leccese la opportunità di riempire lo stadio amico anche nelle prossime stagioni.

Servono 150mila Euro, per ripristinare i tornelli smontati e utilizzati come "pezzi di ricambio" dal Presidente Tesoro quando un guasto o la normale usura delle strumentazioni negli altri settori rendevano necessario un cambio, un lavoro d'urgenza. La gestione societaria precedente all'attuale, infatti, in una ottica di razionalizzazione dei costi non acquistava nuovi ricambi o non procedeva a sostituzioni tecniche ma, complice la chiusura dei Distinti Nord-Est, Nord-Ovest e Sud-Ovest per mancanza di spettatori li andava a prendere da lì, scarnificando pezzo dopo pezzo la struttura degli "spicchi" dello stadio.

Risultato? Tecnicamente i Distinti sono del tutto inagibili, non possono essere aperti per ragioni di prefiltraggio corretto e di sicurezza: anche le telecamere puntate sulle entrate e sulle uscite, anno dopo anno, sono state più volte smontate e utilizzate come "pezzi di ricambio".

Per ripristinare l'utilizzo dei Distinti del "Via del Mare" ci vogliono, secondo i tecnici, almeno 150mila Euro di lavori.