Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

LIVERANI: "per i rigori non faccio il baby sitter. Tra 50 giorni il mercato, senza stravolgimenti"

Giovedì 14 Novembre 2019 | Marco Errico | News

LECCE - Alla ripresa degli allenamenti del Lecce si è presentato in Sala Stampa il tecnico Fabio Liverani che ha fatto il punto sullo stato di salute dei giallorossi dopo la sconfitta di Roma e tutto quel che ne è nato. Ecco le sue parole.

Occasioni - "Sul gol annullato a Lapadula il mio pensiero è quello della società. Per il resto della prestazione salvo tante cose, abbiamo giocato a viso aperto, creato molto, mostrato qualità nelle nostre azioni. Ci sono stati errori individuali, quello sì, come in occasione delle prime due reti subite. Concedere qualcosa alla Lazio è inevitabile, avere tante occasioni non da tutti. E comunque dopo il rigore sbagliato è cambiata tutta la partita".

Rigorista - "Non voglio creare un caso che non esiste, ripeto ancora una volta che c'è una persona destinata a calciare i rigori. Tra l'altro ho visto Mancosu con il pallone in mano ed ero convinto che avrebbe calciato. Le mie direttive sono chiare, faccio di tutto per farle rispettare, ma non posso fare il baby sitter a persone di trent'anni. Spero che da ora in avanti ciascuno abbia capito la strada da percorrere in questi casi".

Cagliari - "Oramai siamo abituati ad affrontare le squadre nei rispettivi momenti migliori. Ad oggi il Cagliari esprime il calcio migliore della Serie A, ma lo affronteremo come al solito, concentrandoci su noi. La nostra crescita continua, è la cosa più importante. E' esponenziale, tutti i calciatori stanno migliorando e dobbiamo proseguire su questa linea".

Mercato tra cinquanta giorni - "Con la società e il DS ci confrontiamo quotidianamente, tutti sappiamo cosa servirebbe per migliorarci. Ma non ci saranno stravolgimenti, solo accortezze per sistemare qualche difficoltà. Ad esempio posso dire che mi aspettavo di più da Imbula e Benzar che però a causa di problemi fisici e di alcune difficoltà ad ambientarsi al nostro calcio hanno reso sotto le aspettative. Sono contento per La Mantia, meritava la soddisfazione di Roma e ci sarà utile".