Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

La VIDEO-INTERVISTA. LEPORE scuote il Lecce: "con la Sicula Leonzio la nostra FINALE"

Venerdì 16 Febbraio 2018 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - In Sala Stampa si è presentato oggi il capitano giallorosso Checco Lepore. Ecco la nostra intervista quando oramai è iniziato il conto alla rovescia verso la trasferta in casa della Sicula Leonzio, qui sintetizzata in poche righe, sotto con il video dal canale YouTube di SoloLecce.it.

Condizione - "Mi sento bene, dunque sono a disposizione di Liverani. Ho due altri giorni per lavorare e mettermi definitivamente alle spalle la botta che ho preso in allenamento alla vigilia della trasferta di Bisceglie".

Sconfitta indolore - "C'è dispiacere per l'uscita dalla Coppa Italia di Serie C, volevamo fare bene in tutte le competizioni, era la possibilità giusta anche per mettersi in mostra per chi gioca meno, ma ora dobbiamo ripartire".

Sicula Leonzio - "Per noi a livello mentale deve essere una finale, dobbiamo andare a Catania come se fosse l'ultima giornata di campionato. Dobbiamo fare una partita perfetta per allungare il vantaggio in queste giornate che culmineranno con la sosta del Catania. Ora c'è da dare tutto per mettere più punti possibili tra noi e loro. Se facciamo il massimo non ci interesseranno più i loro risultati".

Nuovi arrivi - "Sono arrivati innesti che hanno incrementato il valore di questo gruppo. Sono persone serie che si sono già integrate, stanno lavorando molto. Saraniti ci riesce a dare alternative in più anche come gioco, ha delle caratteristiche che ci mancavano. Quando giocano altri puntiamo su altro, lui ci ha consentito di completare il modo di attaccare, anche con i cross, che possono essere utili a risolvere partite bloccate".

Pacilli - "Sono passato dalla sua situazione, durante la squalifica alla Nocerina mi allenavo da solo, era dura non avere l'impegno del campo, il gruppo. Lui si allena con noi, è partecipe delle nostre cose, è importante per lui e per il gruppo che gli è molto vicino: ha tutto il nostro affetto".