Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

FIUME IN PIENA LIVERANI: "vi dico tutto su come ho visto i singoli. GOL-GODURIA: che schema"

Mercoledì 8 Agosto 2018 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Lungo punto della situazione con il tecnico Fabio Liverani. L'abbiamo fatto al termine di Lecce-FeralpiSalò di Coppa Italia TIM (RILEGGI QUI LA CRONACA). Ecco l'intervista.

La partita - "Mi sono piaciute tante cose. Affrontavamo una squadra costruita per vincere la C. Abbiamo concesso il giusto, dobbiamo migliorare in fase di manovra ma mi è piaciuto più di qualcosa. Le condizioni del terreno di gioco non ci hanno favorito: per chiudere il cerchio di questo lavoro estivo ci meritiamo la trasferta di Genova. Non sarà una partita come le altre per me, ho passato tre anni nel settore giovanile, poi alla guida della prima squadra, ho vissuto esperienze positive. Ma conta di più che questi ragazzi possano regalarsi uno dei più belli stadi d'Europa. E' un primo passaggio l'aver riportato il Lecce a questi livelli".

Haye e Petriccione - "Haye ha dimostrato le sue qualità, ha pagato qualche emozione, ha voglia di crescere e migliorare. Stiamo lavorando tantissimo sulla prospettiva, abbiamo anche giocatori non pronti per l'immediato ma che saranno delle risorse del futuro di questa società. Ci vuole pazienza, sappiamo dove intervenire. Petriccione è un ragazzo di enorme intelligenza tattica, capisce i momenti della partita, sarà importante".

Palombi - "E' quel genere di calciatore che deve trovare gli automatismi su chi gli serve il pallone, per attaccare coi tempi giusti la porta. Abbiamo fatto una rete bellissima, con una giocata praticamente di prima, il cross forte finale che taglia bene sul palo e l'inserimento dell'attaccante che segna come arriva il pallone. Per un allenatore è una goduria un gol così".

Falco - "Calciatore imprevedibile che ha fatto vedere il 30-40% delle potenzialità che ha. Se riesce a calarsi con mentalità ha tutte le carte in regola per prendersi la squadra per mano. Non ha ancora brillantezza fisica, come tutti, nè rapidità di esecuzione, ma sono davvero tranquillo: abbiamo lavorato tantissimo in ritiro" (FOTO SOTTO FALCO IN AZIONE).