Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

FAME LIVERANI: "altro che ciclo finito, c'è una montagna da scalare. Lecce al 110% o sprechiamo i punti fatti sin qui"

Martedì 29 Ottobre 2019 | Marco Errico | News

LECCE - Ecco le parole del tecnico del Lecce Fabio Liverani alla vigilia di Sampdoria-Lecce. Al rientro dalla squalifica l'allenatore romano è pronto a riprendersi la panchina del Lecce.

Formazione - "Queste infrasettimanali sono le gare in cui ci sono meno certezze su chi scenderà in campo. Ogni allenamento fornisce indicazioni diverse. Ai ragazzi ho detto di farsi trovare pronti, in queste due sfide prossime avranno tutti spazio. Solo Imbula è un po' più in dietro rispetto agli altri".

Convinzione - "Carichi e pronti, stiamo bene. E non sottovalutiamo niente. Nello spogliatoio c'è consapevolezza che ogni partita è una montagna, altro che ciclo finito. La partita di Genova è difficilissima, per fare risultato servirà un Lecce al 110%, un Lecce che non lasci niente al caso".

Sampdoria - "Classifica che non deve ingannarci: sono ultimi, è vero, ma hanno una rosa costruita per altro. C'è qualità, enorme, e pure il capocannoniere uscente del campionato. Andremo a giocarcela con la mentalità e l'umiltà di una squadra che vuole salvarsi a tutti i costi. Sarà un Lecce affamato, cattivo agonisticamente e che accompagnerà la solita qualità del gioco, speriamo. Faremo di tutto per ottenere un altro risultato positivo che ci dia continuità. Se non faremo punti a Genova avremo buttato via gli sforzi dei pareggi importanti raccolti con Milan e Juventus".

Rigoristi - "Non c'è spazio per l'inventiva nel nostro modo di organizzare il lavoro. Sulla porta dello spogliatoio prima di ogni gara ufficiale c'è scritto chi batte gli angoli da destra, da sinistra, le rimesse laterali, i calci di punizione e i rigori. Poi sta ai singoli, a volte, fare delle scelte in campo a seconda di come evolvono alcune situazioni di gioco".