Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

NOTTE DA INCUBO. Lecce, disastro difensivo. Il Genoa passeggia sui giallorossi. LA CRONACA

Sabato 11 Agosto 2018 | Marco Errico | News

GENOVA - La notte da A del Lecce si trasforma in una notte da incubo. I giallorossi escono con le ossa rotte dal confronto con il Genoa al termine di una partita che apre interrogativi importanti sulla tenuta difensiva dei salentini, oltre la forza degli avversari. Non basta una categoria (e mezza, forse) di differenza per giustificare i limiti emersi a "Marassi", davvero importanti.

Ko - Liverani ripropone la formazione schierata con la FeralpiSalò, con le eccezioni di Petriccione che si prende la maglia da titolare di Haye e Torromino lanciato in campo all'ultimo secondo per un problema nella rifinitura a Palombi. La partenza è choc, dopo due minuti il Lecce è sotto. Piatek firma l'1-0 con un colpo di testa nel deserto (FOTO SOPRA), con la difesa del Lecce messa malissimo su calcio piazzato. Dopo 9' è già tutto finito: Piatek servito da Biraschi salta Vigorito e deposita in porta il raddoppio.

Poker - L'attaccante polacco sembra imprendibile: al 18' anticipa di testa Cosenza e firma il tris personale, mentre il Lecce è sparito dal terreno di gioco. Piatek, ancora lui, punisce il Lecce per la quarta volta al 39', svettando indisturbato su un calcio d'angolo in cui la difesa del Lecce resta ferma immobile.

Ripresa - Il secondo tempo è una formalità, il Genoa abbassa i ritmi e manca un paio di occasioni con Kuamé e Pandev, mentre il Lecce prova a rendere meno pesante il passivo con qualche conclusione dalla distanza dai Falco e con un diagonale ravvicinato di Saraniti. Marchetti si fa trovare sempre pronto. L'impegno di Coppa Italia TIM è già finito, ora sotto con il campionato. Forse, prima ancora con il mercato.

TABELLINO

GENOA - LECCE 4-0

Marcatori: Piatek al 2', al 9', al 19' e al 39' p.t.

Genoa (3-5-2): Marchetti; Zukanovic, Spolli (dal 15' s.t. Gunter), Criscito; Biraschi, Romulo, Kouamé, Hiljemark, Lazovic; Pandev (dal 18' s.t. Bessa), Piatek (dal 16' s.t. Mazzitelli). (Vodisec, Radu, Lopez, Rolon, Dalmonte, Pereira, Lakicevic). Allenatore Ballardini.

Lecce (4-3-1-2): Vigorito; Lepore (dal 15' s.t. Fiamozzi), Cosenza, Marino, Calderoni; Petriccione, Arrigoni, Mancosu; Falco; Pettinari (dal 27' s.t. Saraniti), Torromino (dal 27' s.t. Haye). (Bleve, Chironi, Palombi, Dumancic, Dubickas, Tsonev, Tabanelli, Legittimo, Armellino). Allenatore Liverani.

Arbitro: La Penna di Roma 1 (Alassio-Tasso, IV Ufficiale Fourneau).