Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Il Tribunale Nazionale Federale ha deciso: PARMA, E' UNA SENTENZA DURISSIMA

Lunedì 23 Luglio 2018 | La Redazione | News

ROMA - E' stato un tentato illecito in piena regola, altro che messaggini innocenti e scherzosi accompagnati dalle faccine di WhatsApp.

Il Parma affronterà il prossimo campionato di Serie A con 5 punti di penalizzazione: i messaggi inviati da Emanuele Calaiò ai calciatori dello Spezia a tre giorni dall'ultima giornata di campionato non erano nè simpatici nè ironici, ma un tentativo di ammorbidirne la prestazione.

Ecco il motivo della sentenza che è invece una stangata su Calaiò, praticamente condannato a finire la carriera: ha 36 anni, ne ha presi 2 di squalifica.

La sentenza è arrivata nel primo pomeriggio dai giudici sportivi del Tribunale Federale Nazionale: il Parma e Calaiò hanno annunciato ricorso per una riduzione ulteriore, mentre la Procura Federale chiederà anche nel secondo grado la retrocessione dei ducali.