Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

A Benevento Chiricò fuori dai titolari. LIVERANI: "sette-otto partite per sapere chi siamo"

Domenica 26 Agosto 2018 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Eccola, la prima vigilia di campionato di Fabio Liverani. Basta parole e basta estate, si gioca. Con il tecnico giallorosso abbiamo affrontato tutti i "nodi" di questi giorni in questa lunga intervista.

Emozioni - "Sono quelle di ricominciare una stagione dopo un periodo di lavoro in ritiro e un paio di test in Coppa Italia TIM. Adesso iniziamo sul serio, abbiamo qualche partita per capire chi siamo. Ci sono delle problematiche che ci porteremo sino al 7 settembre sul format del campionato, ma intanto dobbiamo pensare al Benevento, una neoretrocessa attrezzata a tornare subito in Serie A. In più troveremo entusiasmo e un grande pubblico a spingere i nostri avversari".

Preoccupazioni - "Dobbiamo lavorare sull'approccio alla partita. Abbiamo un blocco di calciatori nuovi, chi è arrivato prima, chi dopo. Ci vuole del tempo per capire la qualità del compagno, l'intesa nel movimento da fare per aiutarlo e tante altre cose. Sono molto contento dei ragazzi che sono arrivati, la competizione interna si è alzata tantissimo".

Salvezza - "E' normale che giocando in 19 con 4 retrocessioni il livello del campionato diventa altissimo. Dobbiamo mantenere la categoria a tutti i costi, se poi troveremo la salvezza prima possibile guarderemo oltre".

Mercato - "Non devo dare voti, ma posso dire che la squadra è nella completezza come ce l'eravamo immaginata a maggio. E' stato un mercato difficile, che quando hai tanti esuberi da cedere e togli tre squadre alla categoria diventa ancora più difficile. Ad oggi il lavoro del DS e della società è stato soddisfacente. Siamo ancora tanti in gruppo, non è un problema per me ma per i ragazzi che non troveranno tutti spazio per quello che vorrebbero. La proroga del mercato sino al 31 potrà servire a qualcuno a trovare collocazione migliore".

La formazione - "Serviranno sette-otto partite per avere una idea totale dei nuovi e dei vecchi. Nel corso di questo periodo proverò tutti, sia dall'inizio che durante la gara. Per la prima qualche dubbio c'è. Vedremo questi ultimissimi allenamenti, ma anche come giocano loro. Noi abbiamo la nostra identità, ma dobbiamo trovare la dimensione nuova in questa categoria e calibrarci".

Chiricò - "Per me è stato già un dispiacere far partire i calciatori che lo scorso anno hanno portato questa squadra in B. Alle persone ci si affeziona, è umano, ma poi ci sono le scelte da fare e si fanno. Su Chiricò ci deve essere una soluzione che deve andare bene a tutti: non servono guerre, per il bene di tutti anche qui servono delle scelte. Certamente c'è una trattativa in corso di cui devo tenere conto in vista della formazione da fare con il Benevento, a tutela della trattativa in corso, del calciatore, di tutti. Dopo il 31 agosto, a mercato chiuso, penserò solo alle scelte tecniche".

Bovo - "Sta bene, sta recuperando la condizione: da qui al 31 prenderemo la decisione finale".

Capitano - "La fascia è di Lepore se gioca, altrimenti di Cosenza. Io ho sempre pensato all'anzianità nella società, se poi ci saranno dei momenti in cui questi parametri vengono meno deciderò io a chi darla".